Giovedì 24 Maggio 2018 - 12:08
Cronaca Economia Società Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Salute Animali
Mantova Economia Accorpamento Camere di Commercio: ok per Mantova e Cremona. Pavia autonoma

Accorpamento Camere di Commercio: ok per Mantova e Cremona. Pavia autonoma

Lascia un commento | Tempo di lettura 137 secondi Mantova - 18 Dec 2017 - 09:16

L’annullamento parziale, da parte della Corte Costituzionale, del decreto del ministro dell’Industria che ha imposto l’aggregazione tra le Camere di commercio di Mantova, Cremona e Pavia va nella direzione voluta da Confartigianato. Unire Mantova e Cremona ha un senso per la continuità territoriale tra le stesse e per i simili caratteri economici e produttivi. Pavia non ha alcuna contiguità territoriale con le prime e in più il suo territorio ha una struttura economica e morfologica diversa e distinta dalle stesse. La Corte riconosce che non si poteva emettere un decreto sulla materia senza l’intesa tra governo e Regione Lombardia la quale, giustamente, ha avanzato ricorso non condividendo l’aggregazione a tre e sostenendo l’utilità di confermare l’autonomia di Pavia. La funzione delle Camere di commercio è parte della legislazione concorrente tra Stato e Regioni. Come rileva la Corte Costituzionale, per i compiti che svolgono le Camere di commercio in materia di sviluppo economico e di promozione del territorio, queste mantengono una funzione sia di interesse statale che regionale e, per questa ragione lo Stato non può pretendere di sottometterle alla sua esclusiva competenza legislativa. Da qui nasce il principio che lo stato non può apportare unilateralmente riforme a enti la cui funzione incide sulle competenze regionali. Ecco allora le ragioni dell’annullamento parziale. Secondo la Corte Costituzionale, per riformare le Camere di commercio non basta sentire le Regioni, ma bisogna stabilire intese con le stesse. Come Confartigianato Imprese Mantova siamo per ribadire che l’autonomia di Pavia resta la soluzione migliore sia per quel territorio che legittimamente ha diritto a una propria Camera di commercio, sia per un migliore funzionamento dell’aggregazione Mantova-Cremona. Per questo non possiamo che accogliere in pieno le ragioni del ricorso della Regione, che sulla materia ha sempre operato d’intesa con i territori interessati esprimendosi favorevolmente sull’aggregazione tra Mantova, Cremona, ma senza estenderla a Pavia. In questo momento non possiamo che condividere le dichiarazioni dell’assessore allo Sviluppo economico di Regione Lombardia Mauro Parolini,  volta a verificare la possibilità di ripristinare la proposta già concordata con le Camere di commercio in modo, come afferma lo stesso, di evitare una forzosa unificazione che porterebbe ad un una minore efficienza e corrispondenza alle necessità effettive delle imprese del territorio.

Lorenzo Capelli

Presidente di Confartigianato Imprese Mantova

Hai qualche segnalazione o suggerimento da inviare alla redazione? scrivi a ultimissimemn@radiobruno.it
Notizie correlate:
Ascolta Radio Bruno in streaming
I FILM A MANTOVA
Sport
Categorie: Cronaca Economia Eventi Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Mangiare Vacanza REDAZIONE DI MANTOVA
via Altobelli, 3 - 46100 Mantova
Contatti per redazione e commerciale: Tel. 0376 369865
Email: redazionemantova@radiobruno.it
Facebook: Ultimissime Mantova
www.ultimissimemantova.it
www.radiobruno.it



RADIO BRUNO SOCIETA’ COOPERATIVA a r.l.
Registrazione al Tribunale di Modena N. 884 del 10 Settembre 1987
Via Nuova Ponente, 28 CARPI
Tel. 059-642877 - Fax 059-642110
Email: redazione@radiobruno.it

Cookie policy